ISTITUZIONI
RENZI: ARRIVA TAGLIO TASSE,"COPERTURE SOLIDE".


 

Arriva il piano Renzi per il taglio delle tasse. Obiettivo i redditi piu' bassi, quelli fino a 15mila euro, che potrebbero arrivare a intascare 80 euro in piu' al mese in busta     paga. E nelle slides che il premier ha preparato per presentare le misure sul lavoro la copertina recita 'Il lavoro svolta, la svolta buona'.   Oggi pero' il Consiglio dei ministri non varera' un provvedimento - secondo quanto viene riferito da fonti ministeriali - ma solo le linee guida. A far rallentare il governo - viene riferito da fonti parlamentari - il nodo delle coperture, anche se da Palazzo Chigi viene spiegato come si tratti di un rinvio dovuto solo a questioni tecniche. E in serata sempre da Palazzo Chigi si precisa che coperture per le misure che verranno approvare in Cdm, e annunciate oggi, ci sono, sono solide e sono circa il doppio di quelle che verranno utilizzate

Come ha evidenziato anche l'Europa, l'esecutivo ha necessita' di trovare risorse strutturali e non una tantum: in dubbio quindi - si spiega - la possibilita' di utilizzare le entrate derivanti dai minori interessi sul debito che insieme alla spending review, avrebbero dovuto costituire l'ossatura del finanziamento. "Il lavoro di queste ore - twitta a sera Renzi - procede molto bene. Domani alle 17 conferenza stampa con i provvedimenti". E "per la prima volta - dice - sara' messa nelle tasche degli italiani una significativa quantita' di denaro". Con buona pace non solo della leader Cgil Susanna Camusso ma anche del numero uno degli industriali Giorgio Squinzi: "Ce ne faremo una ragione", chiosa il presidente del Consiglio, riferendosi ai veti incrociati. ''Lui se ne fara' una ragione - replica poco dopo il numero uno di Viale Astronomia - noi pero' abbiamo una ragione sola: il bene del nostro Paese''.

Le pressioni per cambiamenti in corsa sono insistenti, con Confindustria che chiede apertamente interventi a favore delle imprese. Se il tanto agognato taglio dell'Irap non sembra pero' aver trovato posto, il governo - spiegano fonti vicine al dossier - e' impegnato a mettere in campo un corposo pacchetto di misure in aiuto del mondo degli imprenditori. Oggi sul tavolo del Cdm - fa sapere il viceministro all'Economia Enrico Morando - arriveranno lo sblocco dei pagamenti della P.a, provvedimento che non solo sana la situazione pregressa ma mette in campo un meccanismo per evitare che lo scenario si ripeta, e il decreto legge casa da 1,6 miliardi.

Inoltre, sempre oggi, il governo dovrebbe approvare anche il Jobs act, che fra le altre misure dovrebbe prevedere sgravi per chi assume, a vantaggio appunto delle imprese.

E resta alta la tensione tra il presidente del Consiglio, Matteo Renzi e le parti sociali in attesa di vedere quali saranno gli annunci del Governo su fisco e lavoro. Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi è tornato a chiedere interventi per la riduzione della parte di cuneo fiscale pagato dalle aziende perché questo sarebbe più utile alla crescita rispetto a ''qualche euro in più'' nelle tasche dei lavoratori. E rispetto alle dichiarazioni del premier (abbiamo contro le parti sociali? ce ne faremo una ragione) ha ribadito che la ''ragione sola'' delle imprese ''è il bene del Paese''.

ANSA


 N o t i z i e
  IL TARTUFO NELLE MARCHE  18/11/2012

Il tartufo ha nelle Marche radici storiche antichissime, tanto da essere parte integrante della nostra coltura e tradizione. Se non si tiene conto di questo non si capisce perché oggi esso sia considerato tanto importante dal punto di vista sociale, ecologico, agricolo, forestale ed economico. La regione lo mette ai primi posti tra i prodotti tipici da valorizzare e per esso investe in risorse economiche ed umane. Per garantire che venga sempre più conosciuto e difeso da truffe e tentativi di contaminazione la Regione utilizza gli strumenti della ricerca e della sperimentazione. In realtà c'è tutto un mondo che ruota intorno a questo straordinario prodotto della terra: i tartufai in primo luogo, gli addestratori di cani da tartufo, i commercianti, gli imprenditori per la trasformazione, i ristoratori, i consumatori.

  Continua ...
  LA STORIA DELLE MARCHE IN MOSTRA ALLA MOLE.  15/10/2012

Il Presidente del Consiglio regionale Solazzi inaugura l'esposizione, curata dall'Istituto Gramsci: “Le Marche, i marchigiani. Le guerre, il Fascismo, la Resistenza, la Repubblica.

  Continua ...
  L'EMIGRAZIONE FEMMINILE DALL'ITALIA ALLA GERMANIA:SE NE PARLA A MODENA  29/09/2012

MODENA\ aise\ - "Donne mobili. L’emigrazione femminile dall’Italia alla Germania (1890-2010)" (Cosmo Iannone editore, 2012) è il titolo del volume di Lisa Mazzi che verrà presentato il prossimo 4 ottobre alla Galleria Europa di Modena.

 

 

  Continua ...