ISTITUZIONI
PADOAN:UE FATICA. EUROPARLAMENTO ABBIA VOCE PIU' FORTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANSA

ROMA - "Il Parlamento Ue deve avere una voce più forte e deve essere messa in atto una relazione più efficace" tra Parlamento, Consiglio e Commissione, "soprattutto in un momento in cui l'Ue fatica a identificare e mettere in campo una strategia economica di lungo periodo". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan.

Se le regole europee "si rivelano inadeguate ad affrontare circostanze eccezionali, il rispetto dell'efficienza ex ante può condurre a comportamenti controproducenti, fino a un fallimento delle istituzioni". Lo ha sottolineato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss.

"Nel caso dell'Europa, e in particolare nell'area dell'euro, - ha osservato il ministro del corso della laudatio in occasione del conferimento della laurea honoris causa al premio Nobel Jean Tirole - le regole hanno una duplice finalità: contribuire al funzionamento dell'economia e sostenere la costruzione di reputazione e fiducia reciproca. Il grado di fiducia e reputazione di ciascuno Stato membro è associato alla sua capacità di confermarsi alle regole. Se però - ha puntualizzato - le regole si rivelano inadeguate ad affrontare circostanze eccezionali, quali una recessione prolungata, il rispetto dell'efficienza ex ante può condurre a comportamenti controproducenti, fino a un fallimento delle istituzioni". Secondo Padoan, si può dunque identificare "una contraddizione tra la conservazione delle istituzioni (che dipende dalla loro efficacia nella gestione dell'economia) e la conservazione della reputazione (che dipende dalla conformità delle regole date)".


 N o t i z i e
  GENTILE DA FABRIANO. IL VIAGGIATORE. di Leonardo Terenzi  27/02/2013

 

Tra visioni spirituali e il rigore decorativo

Nasce a Fabriano nel 1370 circa Gentile di Niccolò di Giovanni di Massio detto Gentile da Fabriano, uno dei pittori più rappresentativi del Gotico internazionale.

 

  Continua ...
  LA SANTA CASA DI LORETO.  18/11/2012

"La Santa Casa di Loreto è il primo Santuario di portata internazionale dedicato alla Vergine e vero cuore mariano della cristianità" (Giovanni Paolo lI). Il Santuario di Loreto conserva infatti, secondo un'antica tradizione, oggi comprovata dalle ricerche storiche e archeologiche, la casa nazaretana della Madonna. La dimora terrena di Maria a Nazaret era costituita da due parti: da una Grotta scavata nella roccia, tuttora venerata nella basilica dell'Annunciazione a Nazaret, e da una camera in muratura antistante, composta da tre pareti di pietre poste a chiusura della grotta (vedi fig. 2). Secondo la tradizione, nel 1291, quando i crociati furono espulsi definitivamente dalla Palestina, le pareti in muratura della casa della Madonna furono trasportate "per ministero angelico", prima in Illiria (a Tersatto, nell'odierna Croazia) e poi nel territorio di Loreto (10 dicembre 1294).

  Continua ...
  IL TARTUFO NELLE MARCHE  18/11/2012

Il tartufo ha nelle Marche radici storiche antichissime, tanto da essere parte integrante della nostra coltura e tradizione. Se non si tiene conto di questo non si capisce perché oggi esso sia considerato tanto importante dal punto di vista sociale, ecologico, agricolo, forestale ed economico. La regione lo mette ai primi posti tra i prodotti tipici da valorizzare e per esso investe in risorse economiche ed umane. Per garantire che venga sempre più conosciuto e difeso da truffe e tentativi di contaminazione la Regione utilizza gli strumenti della ricerca e della sperimentazione. In realtà c'è tutto un mondo che ruota intorno a questo straordinario prodotto della terra: i tartufai in primo luogo, gli addestratori di cani da tartufo, i commercianti, gli imprenditori per la trasformazione, i ristoratori, i consumatori.

  Continua ...